Conservazione della Biodiversità vegetale in Himalaya

Lo scopo del progetto è avviare e rendere quindi autonoma nel tempo la conservazione della biodiversità vegetale in Nepal, attraverso la conservazione ex situ delle piante spontanee dell’Himalaya nella prima Seed Bank ad esse dedicata (situata presso i laboratori del NAST a Lalitpur, Kathmandu e avviata nell’ambito del progetto SHARE, sempre gestito da Ev-K2-CNR), e il miglioramento delle conoscenze in questo ambito delle istituzioni scientifiche locali (NAST, Tribhuvan University) e delle popolazioni locali. Attenzione particolare viene posta alle piante spontanee medicinali, alpine, subalpine, alle piante spontanee parenti delle specie coltivate (CWR Crop Wild Relatives) ed alle varietà locali coltivate nell’area del Sagarmatha National Park (zona dell’Everest), soprattutto se dotate di particolari proprietà nutrizionali e salutistiche. La conservazione di queste specie garantirà anche una maggiore sicurezza alimentare e della salute umana, per le future generazioni, nel rispetto della biodiversità, e con la prospettiva di realizzare uno sviluppo eco-compatibile. Questo è in linea anche con uno dei temi principali di EXPO2015.

Il progetto è realizzato grazie alla sovvenzione dal Comune di Milano nell’ambito del bando “Milano per la difesa, incremento e valorizzazione della biodiversità. Contributi a favore della solidarietà e della cooperazione internazionale – anno 2010”

Per ulteriori informazioni visita la pagina dedicata al progetto dell' Ev-K2-CNR.

Conservazione ed ecoturismo in Valle dei Ratti

Alpe PiempoQuesto progetto realizzato in collaborazione con la Comunità Montana della Valchiavenna, grazie al cofinanziamento di Fondazione Cariplo e Regione Lombardia, ha permesso di compiere delle azioni di miglioramento dell'habitat prioritario H*6230 Nardeti ricchi di specie. Inoltre, mediante un campagna di divulgazione, si è voluto promuovere l'ecoturismo in Valle dei Ratti e negli altri siti della RETE NATURA 2000 presenti in Valchiavenna e non solo...
Per maggiori informazioni vi invitiamo a visitare il sito internet realizzato appositamente per il progetto.

Liste Rosse della Flora Italiana

Come sancito da linee guida internazionali quali Global Strategy for Plant Conservation (GSPC) e European Plant Conservation Strategy (EPCS), la valutazione del rischio d’estinzione a carico degli organismi selvatici secondo il protocollo IUCN (2001) ha un ruolo strategico nell’ambito delle azioni volte a limitare le perdite di biodiversità. Ciononostante, a livello globale, la frazione di organismi vegetali sottoposti ad assessment rimane generalmente molto ridotta (5% della flora angiospermica, 2% di quella pteridofitica, 1% o meno per brioflora e micoflora rispettivamente), poiché un quadro d’insieme esaustivo esiste solo per le gimnosperme (valutato il 92% delle entità descritte).

Leggi tutto: Liste Rosse della Flora Italiana

Il genere Festuca L. (poacea) in Italia

A cura di: Bruno Foggi (*), Graziano Rossi (**), Maria Adele Signorini (*), Lia Pignotti (*), Gilberto Parolo (**)

Disegni: Anne Maury e Laura Vivona (Firenze)

Le ricerche sul genere Festuca in Italia sono in parte finanziate attraverso i progetti SYNTHESYS: FR-TAF-5574 "Taxonomic research on broad-leaved fescues in Europe" e AT-ATF-2093 "Nomenclatural researches on the Genus Festuca in Europe".

Il genere Festuca, nella sua più ampia accezione, presenta una distribuzione Cosmopolita. E’ presente con un numero più o meno abbondate di specie in tutte le aree del mondo: Europa, Asia, Africa del nord, Africa del sud, montagne dell’Africa equatoriale, America settentrionale e meridionale (escluse le aree equatoriali), Asia meridionale (escluse le aree equatoriali), Australia, isole pacifiche e atlantiche. Praticamente in tutte le aree ad eccezione di quelle a clima equatoriale.
Allo stato attuale delle conoscenze risulta difficile dire di quante specie è costituito il genere. Tzelev (1983) riporta fra 300-400 specie, secondo Clayton & Renvoize (1986) ± 450, ma mancano i recenti contributi sull’America settentrionale, andina e la Cina e le recenti messe a punto sull’area di competenza dell’Euro-Med project. Possiamo quindi dire che si possa arrivare a circa 600 specie.
Per quanto riguarda l’Europa Markgraf-Dannenberg (1980) riporta 170 specie ma nell’ultima messa a punto si arriva a oltre 200 specie, nonostante le indagini non siano ancora terminate.

Leggi tutto: Il genere Festuca L. (poacea) in Italia

Mitigazione degli effetti del cambiamento climatico

Negli ultimi 20 anni si é assistito ad un’accelerazione degli effetti dei cambiamenti climatici, tra cui la perdita di numerose popolazioni di piante spontanee rare e di interesse floristico. Particolarmente a rischio sono gli ambienti umidi di pianura e quelli di alta montagna.
Per arrestare la perdita di biodiversità e i danni dovuti ai cambiamenti climatici, la strategia prioritaria internazionalmente riconosciuta consiste in azioni integrate di conservazione in situ (ovvero nel loro ambiente naturale di vita) e ex situ (cioè al di fuori dell’habitat naturale).  
Per il progetto sono state selezionate una serie di specie minacciate dal riscaldamento climatico.
L'Università degli Studi di Pavia ha effettuato le raccolte in campo di queste specie.
Parte di questi semi è stata destinata alla conservazione ex situ, cioè sono stati messi al sicuro nella banca del germoplasma. In tale struttura, i semi raccolti in natura, vengono puliti, essiccati e poi congelati, in modo da poterli mantenere vitali per centinia di anni.
Il resto dei semi è stato impiegato per la conservazione in situ. Cioè una volta fatti germinare i semi, sono stati coltivati fino ad ottenere piante adulte che verranno destine a interventi di reintroduzione o rafforzamento e per la realizzazioe di display gardens.       

Il progetto è stato cofinanziato da Fondazione Cariplo, e i partenr sono il Parco del Monte Barro, con il Centro Flora Autoctona e il Dipartimento di Scienze della Terra e dell'Ambiente dell'università di Pavia.

CLICCA QUI PER VISITARE IL SITO DEL PROGETTO

NOTA! Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

Se non si modificano le impostazioni del browser, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo

Labecove Cookie Policy

La presente Cookie Policy è relativa al sito www.labecove.it di Graziano Rossi e gestito da Simone Pedrini smnpedrini@gmail.com

I cookies sono piccoli file di testo inviati all'utente dal sito web visitato. Vengono memorizzati sull’hard disk del computer, consentendo in questo modo al sito web di riconoscere gli utenti e memorizzare determinate informazioni su di loro, al fine di permettere o migliorare il servizio offerto.

Esistono diverse tipologie di cookies. Alcuni sono necessari per poter navigare sul Sito, altri hanno scopi diversi come garantire la sicurezza interna, amministrare il sistema, effettuare analisi statistiche, comprendere quali sono le sezioni del Sito che interessano maggiormente gli utenti o offrire una visita personalizzata del Sito.

Il Sito utilizza cookies tecnici e non di profilazione. Quanto precede si riferisce sia al computer dell’utente sia ad ogni altro dispositivo che l'utente può utilizzare per connettersi al Sito.

Cookies tecnici

I cookies tecnici sono quelli utilizzati al solo fine di effettuare la trasmissione di una comunicazione su una rete di comunicazione elettronica, o nella misura strettamente necessaria al fornitore di un servizio della società dell'informazione esplicitamente richiesto dall'abbonato o dall'utente a erogare tale servizio.

Essi non vengono utilizzati per scopi ulteriori e sono normalmente installati direttamente dal titolare o gestore del sito web.

Possono essere suddivisi in cookies di navigazione o di sessione, che garantiscono la normale navigazione e fruizione del sito web (permettendo, ad esempio, di realizzare un acquisto o autenticarsi per accedere ad aree riservate); cookies analytics, assimilati ai cookies tecnici laddove utilizzati direttamente dal gestore del sito per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito stesso; cookies di funzionalità, che permettono all'utente la navigazione in funzione di una serie di criteri selezionati (ad esempio, la lingua, i prodotti selezionati per l'acquisto) al fine di migliorare il servizio reso allo stesso.


La disabilitazione dei cookies potrebbe limitare la possibilità di usare il Sito e impedire di beneficiare in pieno delle funzionalità e dei servizi presenti sul Sito. Per decidere quali accettare e quali rifiutare, è illustrata di seguito una descrizione dei cookies utilizzati sul Sito.

Tipologie di cookies utilizzati

Cookies di prima parte:

I cookies di prima parte (ovvero i cookies che appartengono al sito dell’editore che li ha creati) sono impostati dal sito web visitato dall'utente, il cui indirizzo compare nella finestra URL. L'utilizzo di tali cookies ci permette di far funzionare il sito in modo efficiente e di tracciare i modelli di comportamento dei visitatori.

Cookies di terzi:

I cookies di terzi sono impostati da un dominio differente da quello visitato dall'utente. Se un utente visita un sito e una società diversa invia l'informazione sfruttando quel sito, si è in presenza di cookies di terze parti.

Cookies di sessione:
I c.d. ‘cookies di sessione’ sono memorizzati temporaneamente e vengono cancellati quando l’utente chiude il browser. Se l’utente si registra al Sito, può utilizzare cookies che raccolgono dati personali al fine di identificare l’utente in occasione di visite successive e di facilitare l'accesso - login al Sito (per esempio conservando username e password dell’utente) e la navigazione sullo stesso. Inoltre Labecove utilizza i cookies per finalità di amministrazione del sistema. Il Sito potrebbe contenere link ad altri siti. Labecove non ha alcun accesso o controllo su cookies, web bacon e altre tecnologie di tracciamento usate sui siti di terzi cui l’utente può accedere dal Sito, sulla disponibilità, su qualsiasi contenuto e materiale che è pubblicato o ottenuto attraverso tali siti e sulle relative modalità di trattamento dei dati personali; Labecove a questo proposito, considerata la mole di tali siti terzi, declina espressamente ogni relativa responsabilità. L’utente dovrebbe verificare la privacy policy dei siti di terzi cui accede dal Sito per conoscere le condizioni applicabili al trattamento dei dati personali poiché la Privacy Policy di Labecove si applica solo al Sito come sopra definito.

Cookies persistenti:

I cookies persistenti sono memorizzati sul dispositivo degli utenti tra le sessioni del browser, consentendo di ricordare le preferenze o le azioni dell'utente in un sito. Possono essere utilizzati per diversi scopi, ad esempio per ricordare le preferenze e le scelte quando si utilizza il Sito.


Cookies essenziali: 

Questi cookies sono strettamente necessari per il funzionamento del Sito. Senza l'uso di tali cookies alcune parti del Sito non funzionerebbero. Comprendono, ad esempio, i cookies che consentono di accedere in aree protette del Sito. Questi cookies non raccolgono informazioni per scopi di marketing e non possono essere disattivati.

Cookies funzionali:

Questi cookies servono a riconoscere un utente che torna a visitare il Sito. Permettono di personalizzare i contenuti e ricordate le preferenze (ad esempio, la lingua selezionata o la regione). Questi cookies non raccolgono informazioni che possono identificare l'utente. Tutte le informazioni raccolte sono anonime.

Nello specifico, si riporta di seguito la lista dei principali cookies utilizzati sul Sito e relative descrizioni e funzionalità, compresa la durata temporale.

1) Tipologia di Cookie

Prima parte Funzionale

Provenienza

Labecove

Finalità

Recuperare le impostazioni dell'utente (salvare la sessione dell'utente e ricordare alcune impostazioni come le impostazioni di accessibilità)

Durata

Cookie persistente

 

 

2) Tipologia di Cookie

Prima parte - Funzionale

Provenienza

Labecove

Finalità

Memorizzare il luogo dell'utente e ricordare le impostazioni di lingua (in forma anonima)

 

 

3) Tipologia di Cookie

Prima parte - Funzionale

Provenienza

Labecove

Finalità

Personalizzare il contenuto della pagina a seconda del dispositivo utilizzato dall'utente, delle sue scelte e delle impostazioni (in forma anonima)



Come modificare le impostazioni sui cookies

La maggior parte dei browser accetta automaticamente i cookies, ma l’utente normalmente può modificare le impostazioni per disabilitare tale funzione. E' possibile bloccare tutte le tipologie di cookies, oppure accettare di riceverne soltanto alcuni e disabilitarne altri. La sezione "Opzioni" o "Preferenze" nel menu del browser permettono di evitare di ricevere cookies e altre tecnologie di tracciamento utente, e come ottenere notifica dal browser dell’attivazione di queste tecnologie. In alternativa, è anche possibile consultare la sezione “Aiuto” della barra degli strumenti presente nella maggior parte dei browser.


E' anche possibile selezionare il browser che utilizzato dalla lista di seguito e seguire le istruzioni: - Internet Explorer; - Chrome; - Safari; - Firefox; - Opera. Da dispositivo mobile: - Android; - Safari; -Windows Phone; - Blackberry.

Per maggiori informazioni sui cookie e per gestire le preferenze sui cookie (di prima e/o terza parte) si invitano gli utenti a visitare anche la piattaforma www.youronlinechoices.com. Si ricorda però che la disabilitazione dei cookie di navigazione o quelli funzionali può causare il malfunzionamento del Sito e/o limitare il servizio offerto da Labecove.